Medicina estetica

La nostra medicina estetica non è solo bellezza ma anche salute. Un team di esperti che, attraverso strumenti e prodotti sempre più innovativi, consentono risultati sorprendenti e duraturi nella prevenzione, correzione e terapia degli inestetismi del viso e del corpo.

OPPURE CHIAMA: (+39) 0823 1504651

Botulino

Le infiltrazioni di botulino rappresentano il trattamento di ringiovanimento più utilizzato in gran parte del mondo occidentale e offrono risultati davvero sorprendenti per tutti coloro che presentano segni d’invecchiamento, soprattutto all’attività dei muscoli mimici. La riduzione della motilità dei suddetti muscoli consente una progressiva distensione cutanea e la scomparsa/drastica riduzione delle rughe d’espressione.

Il trattamento si effettua attraverso iniezioni che bloccano alcuni segnali chimici provenienti dalle terminazioni nervose, specialmente quelli preposti alla contrazione dei muscoli. Il risultato è una paralisi muscolare mirata, con effetti terapeutici o cosmetici, soprattutto sui muscoli cronicamente tesi o spastici. È indicato per il trattamento di:

  • Regione perioculare
  • Rughe gabellari
  • Iperidrosi
  • Lifting del sopracciglio
  • Gummy Smile

Carbossiterapia

È un trattamento che impiega anidride carbonica somministrata per via cutanea e sottocutanea. Si origina dalla medicina termale e la sua applicazione inizia in Francia intorno agli anni 30.

La terapia è messa in atto da personale medico specializzato che prima di sottoporre il paziente al trattamento deve verificare il suo stato di salute, affinché risulti compatibile con la terapia. L’analisi clinica del danno locale serve a individuare il tipo di patologia, anche per verificarne le sue cause e stabilire se la carbossiterapia possa avere un effetto benefico o meno.

Tecniche ed esecuzione della carbossiterapia

Il trattamento contempla l’impiego di un’apparecchiatura che genera anidride carbonica allo stato gassoso, iniettata attraverso un ago collegato al tubo del macchinario. L’erogazione avviene in maniera controllata e il trattamento prevede la sostituzione dell’ago per ogni paziente, al fine di garantire una perfetta igiene.

Campi di applicazione

Il nostro corpo produce naturalmente anidride carbonica, quindi non si corrono rischi. Si tratta, dunque, di un sistema atossico e non pericoloso. La carbossiterapia è consigliata in angiologia, medicina estetica e ortopedia. È indicata, inoltre, nei pazienti che soffrono di gambe gonfie, perché si riaprono i capillari chiusi e si agisce sulla microcircolazione. Il trattamento riduce il grasso accumulato ed effettua un’ossigenazione del tessuto, lasciando la pelle più elastica, con riduzione delle adiposità localizzate. La carbossiterapia è indicata anche per il trattamento della cellulite, in quanto migliora il flusso sanguigno e la pelle a buccia d’arancia appare levigata. Questa metodica è consigliata ai pazienti che soffrono del fenomeno di Reynaud, di alopecia, di ulcere cutanee, di cellulite e di psoriasi. La biostimolazione da carbossiterapia è indicata per le rughe labiali, le zampe di gallina e per dare tono al collo e al decolté. In quest’ultimo caso si affronta un trattamento mirato per le zone che hanno perso tonicità e quando l’ovale del viso non appare più simmetrico e perfetto.

Frequenza delle sedute

In relazione alle differenti patologie, è indispensabile sottoporsi a un numero minimo di sedute. La terapia può essere ripetuta anche durante l’anno. Quando si tratta di un problema estetico si consiglia di eseguire il trattamento almeno una volta a settimana, associando anche altre metodiche come il linfodrenaggio.

Controindicazioni

Esistono delle controindicazioni per i pazienti che soffrono di insufficienza renale grave e trombosi arteriose e per coloro che stanno seguendo delle cure con inibitori dell’anidride carbonica. Qusta metodica è sconsigliata anche in caso di: tachiaritmie cardiache, pregresso d’ictus, gravidanza, tromboflebiti e anemia grave. Per questa ragione prima di sottoporsi al trattamento il medico dovrà valutare il corretto stato di salute del paziente.

Il numero di sedute sarà stabilito dal medico in base alla patologia. Il trattamento, se eseguito con costanza, offre buoni risultati non solo in campo estetico ma anche in angiologia. Per il campo estetico occorre sottolineare che assieme al trattamento di carbossiterapia occorre sempre seguire un’alimentazione sana e varia, fare del movimento quotidianamente e mantenere un corretto stile di vita.

    Fili di trazione e biostimolanti

    I trattamenti con fili riassorbibili sono l’ultima frontiera per ottenere il rassodamento dei tessuti di volto, collo, braccia, cosce e addome. Si tratta di una tecnica modulabile e senza effetti collaterali.

    Il principio base è quello di stimolare i tessuti affinché, producendo collagene, la pelle possa avere effetti di rassodamento e ringiovanimento. L’ultima novità in materia di medicina estetica sono i fili biostimolanti e i fili di trazione Miracu.

    Questi dispositivi garantiscono il ringiovanimento e il rassodamento della pelle sia del viso sia di quelle zone che solitamente vengono ritenute difficili da trattare, come collo, interno braccia e interno coscia.

    L’innovazione è nella loro duplice efficacia: da un lato possono essere impiegati nella trazione dei tessuti, dall’altro danno soprattutto un contributo significativo nella rigenerazione stessa dei tessuti. Il risultato è un ringiovanimento visibile, con praticamente zero effetti collaterali.

    I fili hanno un’ampia modulabilità. L’intervento è calibrato sulle richieste e sulle caratteristiche della paziente. Tipologia di filo, quantità e posizionamento possono essere combinate in modo tale da rispondere alle caratteristiche della persona e dal risultato che si desidera ottenere.

    Si tratta di un intervento di medicina estetica. È, dunque, una tecnica che non prevede incisioni, ma solo l’uso di un piccolo ago. I fili vengono inseriti sotto pelle e assolvono un compito doppio. I fili di trazione hanno la funzione più tradizionale di sostegno e tiraggio. I microconi di alcuni fili creano, invece, una sensazione di trazione alle due estremità del filo. La tecnica consente di risollevare sopracciglia, zigomi, guance e collo, con la totale assenza di gonfiore e lividi, e con una ripresa immediata post trattamento. Il risultato è naturale.

    I fili biostimolanti stimolano il derma e producono un aumento della quantità di collagene. Agiscono, inoltre, in maniera significativa sulla vascolarizzazione. L’effetto finale è un visibile rassodamento dei tessuti, con l’eliminazione delle piccole rughe del viso o il rassodamento di aree che tendono a svuotarsi, come l’interno coscia e il braccio. Il risultato non è legato alla tensione e alla trazione dei fili ma alla loro stessa presenza. L’intervento, che dura circa 20-30 minuti, non comporta effetti collaterali, eccetto qualche piccolo ematoma.

    I fili scompaiono nel giro di 3-5 mesi e gli effetti durano per circa 9 mesi / un anno. Anche il mantenimento è personalizzabile, alternando l’utilizzo di fili a quello dei filler più conosciuti.

    Filler

    La tecnica dei filler (per correggere tutte le imperfezioni della pelle del viso e del corpo, di ritoccare inestetismi del viso come rughe o cicatrici) consiste nell’iniettare una certa quantità di materiale semiliquido e di diversa densità direttamente nella zona depressa, per ottenere un riempimento o un aumento di volume.

    USO:

    • plasmare forma e volume di zigomi
    • mento
    • naso
    • glutei
    • Riempire pieghe e depressione dell’invecchiamento,
    • eliminare cicatrici lasciate da acne

    Questo metodo offre una vasta possibilità a seconda della profondità di iniezione e del tipo di iniettabile utilizzato, dal quale dipende anche la durata dei risultati.

    Il materiale di infiltrazione e la profondità di inoculo vengono stabilite dal chirurgo, in relazione al genere di rimodellamento prescelto e alla sua durata. L’acido ialuronico viene iniettato in piccolissime dosi nelle regioni interessate, mediante una siringa dotata di un ago sottilissimo. Non viene praticata anestesia ma è possibile l’applicazione di una pomata anestetica.

    L’acido ialuronico è un filler biocompatibile con il nostro organismo, in grado di scongiurare il rischio di complicazioni, rigetto e allergia. Non è necessario, quindi, eseguire test preventivi.

    L’acido ialuronico non è un filler permanente. Ciò significa che una volta iniettato, il prodotto colma l’avvallamento della fessura dermica e viene progressivamente metabolizzato e riassorbito dall’organismo, con tempi variabili a seconda della zona trattata e del tipo di preparato utilizzato.

    L’effetto di riempimento e aumento di volume o attenuazione delle rughe è immediato e dura dai 2 ai 10 mesi. È possibile ripetere il trattamento periodicamente.

    Il gel iniettato con le infiltrazioni di filler viene posizionato lungo la ruga, la fessura cutanea o nell’area da trattare, e resta in sede per alcuni mesi.

    L’esito è molto naturale ed evita l’antiestetico effetto “rifatto” delle protesi in silicone permanente. È possibile ripartire l’intervento in più sedute, in modo da ricercare l’effetto desiderato in maniera graduale e perfezionarne così i risultati.

    Nelle prime 24-48 ore dopo il trattamento a base di acido ialuronico può apparire un lieve rossore e la zona trattata potrebbe risultare leggermente più gonfia rispetto al risultato che si vuole ottenere. Questo perché l’acido ialuronico trattiene fisiologicamente acqua dalla zona in cui è stato applicato. Raramente si può verificare un piccolo livido nella zona di iniezione, che scompare nel giro di qualche ora.

    E’ comunque possibile coprire la zona che è stata trattata con del trucco o del rossetto. Le attività possono essere riprese immediatamente.

    Mesoterapia

    La mesoterapia è un trattamento che consente l’eliminazione del ristagno di liquidi nei tessuti cutanei e sottocutanei.

    La ritenzione idrica è uno dei principali problemi che tutte le donne vorrebbero combattere, prevenire ed eliminare. Per riuscirci, c’è bisogno di una vita corretta, un’alimentazione sana e una regolare attività fisica. La mesoterapia può dare supporto a tutto questo per combattere la cellulite che ne consegue.

    Il trattamento di Mesoterapia, può avvalersi di sostanze farmacologiche o omeopatiche specifiche (in base alla patologia da trattare e al risultato che si desidera ottenere), che durante la terapia sono iniettate in alcuni punti del derma del corpo dove è necessario migliorarne l’aspetto estetico. Grazie all’azione del trattamento vengono eliminati i liquidi in eccesso e le scorie dall’organismo, consente inoltre di trattare la circolazione e contemporaneamente tonificare la pelle in quelle aree del corpo in cui si presentano cellulite e grasso localizzato.

    Le zone che si possono migliorare grazie alla Mesoterapia, sono i glutei, le cosce, i fianchi, l’addome, ma anche le caviglie e le ginocchia. I risultati sono visibili fin dalle prime sedute, ma di solito, per ottenerne di ottimi e duraturi, si consiglia di sottoporsi a Mesoterapia per almeno 8 trattamenti. La Mesoterapia non ha particolari controindicazioni ed è una procedura veloce e indolore, viene effettuata in ambulatorio, il paziente potrà infatti tornare immediatamente alle attività quotidiane. Nei giorni successivi è possibile che nelle zone interessate compaiano dei piccoli lividi, che scompaiono nel giro di pochi giorni.

    Microneedling

    Il microneedling è una terapia non chirurgica e non ablativa atta a stimolare la rigenerazione dei tessuti e incentivare la produzione di nuovo collagene ed elastina. Microneedling quindi induce un processo di autoriparazione della pelle rigenerandola dall’interno. Questa terapia viene applicata mediante l’utilizzo di alcuni strumenti specifici, quale la penna dermica. La penna dermica è un dispositivo elettrico automatico, che permette di effettuare con maggiore facilità ed efficienza il microneedling, ha la dimensione circa di un pennarello con all’estremità una testina con dei micro aghi dalla lunghezza regolabile. Questa tecnica trova la sua applicazione nel trattamento delle rughe superficiali del viso, per la riduzione delle smagliature, per le cicatrivi post acne e per la lassità cutanea.

    Radiofrequenza infini

    Infini è il nuovo sistema a radiofrequenza bipolare, tridimensionale e frazionato, che crea micro fori nell’epidermide tramite un manipolo a micro aghi dedicato e induce una successiva coagulazione del derma, mediante l’emissione di radiofrequenza bipolare nella parte terminale dell’ago. È indicata per un ringiovanimento della pelle del viso del collo e décolleté, ma può anche ridurre esiti cicatriziali post acne, aumentare il tono dello strato dermico ed epidermico, contrastare il foto-invecchiamento, ridurre la dilatazione dei pori e l’eccessiva secrezione sebacea. La metodica non soltanto migliora le cicatrici e le rughe ma induce anche un effetto di skin tightening a lungo termine. Stimola, inoltre, la produzione di collagene e riduce gli esiti cicatriziali di precedenti operazioni.

    La seduta consiste in tre passaggi sulla stessa area, dal più profondo fino a quello più superficiale, ottenendo così un’azione inversa, dal derma all’epidermide. Il protocollo prevede tre sedute a distanza mensile l’una dall’altra.

    Scleroterapia

    La terapia sclerosante o scleroterapia è una tecnica medica utilizzata per ridurre le teleangectasie degli arti inferiori, ossia capillari visibili sulle gambe di colore variabile dal rosso vivo al blu/ verde scuro, che sebbene siano collegati al sistema venoso, non svolgono alcun ruolo funzionale essenziale. La terapia sclerosante avviene mediante l’iniezione di un liquido irritante (in genere polidocanolo) che produce la coagulazione dei vasi trattati e il loro conseguente assorbimento. Le teleangectasie possono assumere aspetti diversi, come ramificazioni o vasi singoli lineari, questi ultimi comuni nella cavità del ginocchio. Si presentano spesso in correlazione con le vene varicose, solitamente di colore bluastro, più grandi, più profonde. In caso di teleangectasie correlate a un’importante insufficienza venosa, la terapia sclerosante potrebbe essere insufficiente, quindi potrebbe essere necessario l’intervento del chirurgo vascolare.

    Rinofiller

    La rinofiller consente di migliorare la forma del naso attraverso materiali di riempimento. Questo trattamento è consigliato nel caso di piccoli difetti estetici, come quelli della punta e del dorso del naso: è indicato quando si ha il naso all’ingiù oppure la “gobbetta” pronunciata. Il rinofiller permette di correggere le gobbe, o di sollevare leggermente la punta del naso oppure di alzarne la radice. Ovviamente, la correzione del naso non chirurgica modifica solamente un difetto e non corregge, ad esempio, una difficoltà respiratoria o una deviazione del setto nasale per le quali, invece, occorre l’intervento chirurgico.

    Intralipoterapia

    L’Intralipoterapia è una tecnica non chirurgica innovativa che consiste nell’infiltrazione nel tessuto adiposo di sostanze (derivanti dal sodio desossicolato) che sciolgono gli accumuli localizzati di grasso, consentendo di rimodellare i volumi corporei.

    Si può considerare un miglioramento e un perfezionamento delle tecniche mesoterapiche ed è consigliabile quando non si vuole o non si può affrontare un intervento di liposuzione o di liposcultura. Non è indicata per il trattamento di sovrappeso o obesità, se non dopo una dieta, in caso di permanenza di accumuli localizzati di adipe.

    A volte le adiposità localizzate sono impossibili da eliminare con diete o attività fisica mirata. La causa di questi accumuli è principalmente genetica.

    Micro-Bio e/o Meso Botox

    Si tratta di infiltrazioni superficiali di piccole dosi diluite di tossina botulinica. Inoltre a differenza del botox tradizionale, che viene iniettato nel piano muscolare con conseguente paralisi dei muscoli, il Meso Botox ammorbidisce le rughe conservando l’aspetto naturale.

    Microterapia

    La Microterapia è una tecnica innovativa, considerata il miglior rimedio per prevenire e migliorare la ritenzione idrica. Si basa su iniezioni superficiali di una sostanza ipertonica che, per effetto osmotico, richiama i liquidi ristagnati verso il derma per poi drenarli successivamente. Il trattamento si avvale di un dispositivo brevettato chiamato SIT, costituito da una parte concava rigida, tipo imbutino rovesciato, al cui centro fuoriesce un microago lungo poco più di 1 mm, rendendo così la seduta indolore e non invasiva.

    Monnalisa Touch™

    Monnalisa Touch è un trattamento laser assistito contro i disturbi dell’atrofia vaginale in menopausa e nel post-partum.

    Sistema ONDA

    ONDA è l’innovativo Sistema di body contouring che, grazie alle Coolwaves, agisce sulle cellule adipose in profondità e sul tessuto connettivo che circonda i lobuli adiposi negli stadi più avanzati della cellulite.

    Tecnologia FMS “Schwarzy”

    In maniera non invasiva e grazie a stimoli elettromagnetici, Schwarzy aumenta il tono e il volume muscolare. Il sistema è dotato di 3 protocolli trattamento: Aerobic, per i soggetti non allenati; Shaping, per il recupero del trofismo e del tono muscolare; Forza, adatto ad aumentare la massa muscolare per chi pratica sport.

    Trattamento occhi

    Il trattamento prevede l’infiltrazione di un prodotto altamente performante, il Mesofiller Periocular (acido ialuronico reticolato) e un peeling di preparazione. É un trattamento adeguato per zone di elevata fragilità come la zona periorbitale e indicato per le imperfezioni più comuni a cui è soggetta questa zona: le linee di espressione, le occhiaie, le borse.

    Criolipolisi

    Il Sistema Coolshaping 2 è il miglior trattamento di criolipolisi che riduce notevolmente e naturalmente le cellule adipose senza l’intervento della chirurgia.

    FOTOTERAPIA (FLE) Energia luminosa fluorescente

    La fototerapia, conosciuta in gergo come “la terapia della luce”, è un trattamento medico indolore effettuato sulla pelle mediante apparecchiature in grado di riprodurre artificialmente i raggi ultravioletti (UV). Questa tecnica serve a emulare l’azione benefica che il sole ha sulla pelle. Infatti, quando i raggi del sole colpiscono la cute, esercitano sulla pelle importanti azioni biologiche, prime tra tutte quelle antiproliferative e immunomodulanti.

    La fototerapia utilizza quindi delle lampade che emettono raggi UV di tipo A o B che riescono a penetrare fino al derma (lo strato più profondo della pelle), dando gli stessi effetti benefici dei raggi solari, ma con minori rischi. Ovviamente, la scelta di sottoporsi a delle sedute di fototerapia deve essere affidata a un esperto dermatologo, che valuterà tipologia e intensità del trattamento in base al tipo di pelle e alla gravità della malattia.

    La fototerapia è ampiamente impiegata in ambito dermatologico per la cura di numerosi disturbi e patologie della pelle, come:

    • Dermatite atopica: grazie alla sua azione antinfiammatoria contro la cute secca e pruriginosa, e le chiazze rosse con vescicole, il trattamento di fototerapia dà buoni risultati;
    • Acne: la fototerapia in questo caso allevia l’infiammazione, promuovendo la guarigione della pelle e stimolando il sistema immunitario a contrastare l’insorgenza delle infezioni cutanee;
    • Vitiligine: l’utilizzo dei raggi UVB sulle zone chiare riduce il contrasto cromatico e rende le tipiche chiazze chiare (dove manca del tutto la melanina) meno visibili;
    • Eczema cronico grave: l’azione antinfiammatoria della fototerapia consente un buon controllo dei tipici segni come vescicole, desquamazione, prurito e arrossamento;
    • Micosi fungoide: l’esposizione ai raggi ultravioletti agisce bene contro questo linfoma cutaneo, colpendo le cellule tumorali e stimolando il rinnovamento del tessuto cutaneo.

    KLERESCA tecnologia biofotonica (acne, rosacea, couperose)

    Tra gli inestetismi più comuni della pelle del viso ci sono quelli causati dall’aging e dall’acne, che spesso persiste anche dopo l’adolescenza fino all’età adulta. Tra i trattamenti disponibili dal dermatologo, troviamo Kleresca. Si tratta di un innovativo sistema high tech che, utilizzando un gel fotoconvertitore e un dispositivo luminoso ad alta intensità, è in grado di agire come trattamento antietà rigenerante ed è utile per sfiammare le lesioni acneiche stimolando i processi di guarigione, senza l’uso di farmaci.

    I trattamenti con Kleresca riducono l’infiammazione, aumentano la produzione di collagene e normalizzano l’attività cellulare garantendo un’elevata sicurezza ed efficacia. In termini scientifici, il processo è noto come fotobiomodulazione.

    La Terapia Biofotonica è un sistema di conversione di luce progettato per stimolare la riparazione propria della cute a livello cellulare. Il trattamento biofotonico utilizza una luce multi-LED in combinazione con un gel fotoconvertitore. Kleresca, infatti, si basa su una nuova modalità di azione dermatologica che crea una luce dinamica, pulsante e fluorescente in grado di stimolare la cute a livello cellulare. Tale meccanismo si chiama biofotonico e si riferisce all’interazione tra i fotoni e i processi biologici, in questo caso relativi alla cute.

    Il trattamento viene effettuato due volte alla settimana per sei settimane nel caso dell’acne, o di una volta alla settimana per 4 settimane nel caso del fotoringiovanimento. Il dermatologo applicherà sulla zona da trattare un gel di colore arancione che verrà attivato da una luce LED a multi-lunghezza d’onda per nove minuti. Durante il trattamento, si può avvertire una sensazione di calore sulla pelle assolutamente normale. Dopo nove minuti di irraggiamento, il gel viene rimosso.

    Prenota una visita

    Parlaci del tuo problema o raccontaci le tue esigenze. Fissa un appuntamento e ti ricontatteremo per confermarlo.

    4 + 10 =